Milan, Pato risponde picche al Chelsea: “Resto fino al 2014, poi si vedrà”

Allegri: “Il brasiliano nel mirino dei Blues che offrono 23 milioni più Anelka o Kalou.”

Mentre non è stata ancora disvelata l’identità di Mister X, circolano ancora voci di imminente seprazione con Cassano, con Montolivo prossimo a vestire il rossonero, sul mercato del Milan è piombato come un fulmine a ciel sereno un forte interessamento del Chelsea per Pato. I Blues di Abramovich, dice radiomercato, avrebbero presentato un’offerta circa 23 milioni di euro più un giocatore a scelta tra Anelka e Salomon Kalou.

A parte l’offerta della squadra di Villas Boas, ritenuta bassa dai dirigenti di via Turati, sono le contropartite tecniche a non scaldare gli animi di Galliani e Braida. Le possibilita che Pato si trasferisca a Londra, a meno follie inattese e proposte davvero irrinunciabili sono prossime allo zero. Il giocatore è al centro del progetto tecnico di Allegri e sta vivendo anche un intenso legame sentimentale con Barbara Berlusconi, figlia del presidente e avviata a intraprendere una carriera manageriale all’interno del club rossonero.

Pato comunque ha tagliato la testa al toro, placando i rumors. Il brasiliano, durante la conferenza stampa in Cina in vista della Supercoppa Italiana contro l’Inter, ha dichiarato di aver un contratto che scade nel 2014 e ha aggiunto di “sperare” di restare al Milan fino a quella scadenza.

“Ho un contratto fino al 2014 e voglio rispettarlo fino alla fine”, così l’attaccante carioca. “Cosa succederà dopo, non lo so”, ha aggiunto Pato, che non ha voluto commentare direttamente i quesiti dei giornalisti sull’offerta del Chelsea, che lo seguiva attentamente dai tempi di Ancelotti. Un suo futuro al Chelsea appare quantomeno futuribile.

Galliani sornione, Milan alla finestra: “Chi è Mister X?”

Allegri: “Montolivo è vicino, ma il colpo sarà uno fra Hamsik, Fabregas e Schweinsteiger.”

A margine della prima uscita stagionale del Milan, l’amichevole vinta 12-0 con la Solbiatese, Adriano Galliani ha aperto uno spiraglio sull’ormai famigerato Mister X del mercato milanista. “L’organico è al completo – ha detto l’ad rossonero – ma Mister X è stato individuato e vedremo se arriverà o meno negli ultimi giorni di mercato”. Il sorriso sornione ha lasciato intendere che qualcosa bolle in pentola, e che se si muoverà sarà per un colpo di quelli che fanno rumore. Un po’ come la scorsa estate, quando il club di via Turati si assicurò Ibrahimovic e Robinho proprio nelle ultime ore di mercato. Vediamo chi può nascondersi dietro la sigla Mister X.

MONTOLIVO E GANSO – Capitolo a parte meritano l’ormai ex capitano della Fiorentina Montolivo ed il fantasista brasiliano Ganso. Il primo può arrivare a Milanello sia per la necessità di un giocatore delle sue caratteristiche dopo l’addio di Pirlo, sia perchè la trattativa con la Fiorentina appare in discesa: il giocatore va in scadenza il prossimo anno, quindi la valutazione è abbordabile, e nell’affare potrebbe rientrare Antonuio Cassano abbassando ulteriormente il prezzo. Il secondo, se il Milan deciderà di investire su di lui, arriverà con tutta probabilità solo a gennaio. Ma nè l’uno nè l’altro possono essere il Mister X di cui parla Galliani.

FABREGAS – Il sogno nel cassetto è Cesc Fabregas, l’unico giocatore in grado di coprire davvero il buco lasciato da Pirlo. Fabregas è uno dei migliori centrocampisti su piazza, piace a via Turati perchè potrebbe essere l’uomo d’ordine in grado di raccogliere il testimone di Pirlo ma anche ad Allegri per il dinamismo e la capacità d’inserirsi, e secondo indiscrezioni è proprio sul catalano che si concentrano le attività di mercato milaniste, presumibilmente con l’aiuto di Fly mirates che sponsorizza sia il Milan che l’Arsenal. Certo, in pole position c’è sempre il Barcellona, ma finchè non c’è la firma…

HAMSIK – Era ed è il primo obiettivo di Allegri, che vede in lui il perfetto complemento a Kevin Prince Boateng, ossia il centrocampista in grado di fare sia il trequartista che la mezz’ala. Potrebbe essere stato una cortina fumogena per coprire il ben più desiderato affare Fabregas, ma è pur vero che il Milan si è avvalso della sponda Mino Raiola per averlo. Al momento, in ogni caso, l’ostacolo principale sembra essere De Laurentiis, determinatissimo a tenerlo a Napoli.

SCHWEINSTEIGER – Un occhio di riguardo resta anche per Bastian Schweinsteiger, colonna del Bayern Monaco che, secondo rumors teutonici, potrebbe aver voglia di cambiare aria dopo dieci stagioni al Bayern e in Bundesliga. Come fasbregas il tedesco associa dinamismo e capacità geometriche, e sarebbe a sua volta un jolly non da poco per Allegri, senza contare che nell’eventuale operazione col Bayern Monaco potrebbe rientrare Flamini.

Milan, apertura Galliani: “Ganso? Se cambia regola extracomunitari…”

Allegri: “Serve giocatore di qualità. Cassano resta”

Cercasi giocatore di qualità: l’ultima, eventuale, pedina del calciomercato rossonero dovrà essere un calciatore, il famoso “Mister X”, di classe che possa rimpiazzare Andrea Pirlo. Chi? Tanti i nomi, da Fabregas a Ganso, anche se in Via Turati aspettaranno l’occasione giusta senza fretta, come si evince dalle dichiarazioni rilasciate venerdì da Adriano Galliani.

“Siamo coperti in tutti i reparti, Mister X può arrivare come non può arrivare: vediamo – ha esordito l’ad del club di Via Turati al Workshop livornese degli sponsors del Milan a Livorno – Fabregas? Non è un sogno perchè non è mai stato un desiderio. Certi affari in Italia non si possono più fare perchè abbiamo passivi di bilancio e non abbiamo gli stessi ricavi delle società inglesi e spagnole”

“Ganso? Non illudiamo nessuno, ha detto cose carine verso di noi e anche noi lo vrremmo ma è un extracomunitario e se non cambia la regola sarà impossibile – ha aggiunto Galliani – C’è tempo per pensarci: ho fatto i complimenti al presidente del Santos per la Libertadores e non voglio creare problemi. Il giocatore ha detto vuole restare al Santos fino a gennaio e poi venire al Milan. Vedremo. Comunque i giocatori che guarderemo nella Coppa America saranno per il 2012 in poi”.

“Fino ad ora il mercato è stato ottimo. Ci siamo rinforzati a sinistra con Taiwo, Mexes giocatore di livello Mondiale ed El Sharaawi è un giocatore di grande talento che può crescere – gli ha fatto ecco Allegri – Ganso? E’ giovane e come Neymar e Danilo hanno bisogno ancora di dimostrare di poter giocare in Europa. Fabregas? Non lo scopriamo certo oggi. Con la partenza di Pirlo abbiamo bisogno di un giocatore di qualità, ma mancano due mesi e Galliani ha tutto il tempo per operare”.

“Hamsik non è un sogno ma un nome come altri che sono stati fatti da Witsel allo stesso Fabregas, da Asamoah ad Aquilani. Per ora però restiamo così in attesa degli sviluppi del mercato. Se arriverà qualcuno sarà un giocatore da Milan, importante – ha aggiunto il tecnico – Cassano? Resterà al Milan, nei 5 mesi con noi ha fatto 4 gol e 8 assist e potrà essere per noi un valore aggiunto l’anno prossimo”.

“La certezza è che faremo una rosa più ampia con qualche Primavera. La nostra forza quest’anno sarà proprio la compattezza del nostro gruppo”, ha concluso l’allenatore rossonero.

Aquilani vuole il Milan, è pronto a tagliarsi l’ingaggio

Contatti fra il procuratore Zavaglia e via Turati, che intanto chiude a Maxwell.

Alberto Aquilani ed il Milan discutono del possibile approdo in rossonero del centrocampista, che non è presumibilmente l’ormai famoso Mister X con cui Galliani e Allegri tengono sulla corda stampa e tifosi ma potrebbe certamente essere un elemento utile per il centrocampo milanista rimasto orfano della qualità e delle geometrie di Andrea Pirlo. Aquilani è in procinto di rientrare al Liverpool dopo la stagione in prestito alla Juve, ma spinge per rimanere in Italia ed il suo procuratore Franco Zavaglia ha avviato i contatti col Milan (e non solo).

GIU’ L’INGAGGIO – Per favorire un possibile approdo al Milan Aquilani e Zavaglia hanno dato disponibilità a tagliare sensibilmente l’ingaggio del giocatore; al momento il centrocampista ha un contratto col Liverpool da 4 milioni a stagione, a 2,5 il Milan potrebbe convincersi ad ingaggiarlo riconoscendo non meno di una dozzina di milioni ai reds, che ne avevano chiesti 16 alla Juve per il riscatto. Queste le parole di Zavaglia: “Per adesso stanno uscendo solo indiscrezioni ma non abbiamo avuto nessun contatto con il Milan. La Juve ci ha chiesto qualche giorno per riflettere, e noi intanto ci guardiamo intorno sia in italia che all’estero. Non credo sia un problema di prezzo di riscatto, ma piuttosto relativo al modulo, e che stiano cercando qualcuno che si dedichi di più alla fase difensiva. Vediamo gli scenari che si apriranno, posso dire che Alberto comunque vada non in mezzo a una strada: ha ancora tre anni di contratto con il Liverpool”.

NIENTE MAXWELL – Niente Milan per Maxwell. Secondo indiscrezioni raccolte in esclusiva da MilanNews.it, la coppia di terzini per la fascia sinistra per la prossima stagione sarà composta da Luca Antonini, che é stato rassicurato e confermato dall’amministratore delegato rossonero in un recente colloquio intercorso tra i due e Taye Taiwo e qualora la FIGC dovesse riaprire ai due extracomunitari, la priorità di Galliani e Braida sarà quella di prelevare Paulo Henrique Ganso dal Santos.

Il Milan stringe per Witsel. Idea Montolivo, c’è Kucka per il 2012

Il belga sempre più vicino.

Axel Witsel è sempre più vicino a diventare un giocatore del Milan: il 22enne dello Standard di Liegi è stato visionato da Ariedo Braida nel match tra Belgio e Turchia e, nonostante abbia fallito un rigore, la sua prestazione è stata considerata positiva, convincente soprattutto sotto il profilo della duttilità tattica (mezzala sinistra, destra e perfino trequartista o seconda punta) e anche della disponibilità alla copertura.

Addirittura, in Belgio darebbero l’affare per chiuso: secondo il quotidiano belga “Derniere Heure” a breve potrebbe arrivare la firma dopo che l’accordo sarebbe stato raggiunto proprio a margine della sfida del Belgio per le qualificazioni ad Euro 2012, anche se il patron Luciano D’Onofrio avrebbe negato e, soprattutto, Adriano Galliani, avrebbe frenato su questa ipoetsi: “Witsel ci interessa ma prima voglio leggere la relazione che mi consegnerà Braida lunedì: non siamo certo così avanti da definire chiusa la trattativa”, ha spiegato l’ad rossonero.

Witsel, che costa almeno 10 milioni salvo inserimento di contropartite tecniche, potrebbe però non essere l’unico colpo di mercato del Milan. Nelle ultime ore sarebbero infatti cresciute notevolenmtene le quotazioni di Riccardo Montolivo, altro giocatore in gardo di ricoprire più ruoli, come dimostrato nel match tra Italia ed Estonia.

Il giocatore è in scadenza di contratto con la Fiorentina nel giugno 2012 e ha deciso di non rinnovare: così il club viola potrebbe cederlo ad un prezzo inferiore al suo reale valore per non perderlo a parametro zero l’anno prossimo e pare che da Milano sia già partita qualche telefonata in direzione Firenze: qualora i Della Valle volessero tenerlo, Montolivo sarebbe uno dei principali obbiettivi milanisti per la prossima estate.

Proprio in vista della stagione 2012-2013, il Milan avrebbe bloccato Jurai Kucka, potente centrocampista slovacco del Genoa. “Kucka è un giocatore molto importante per noi ed è nel mirino di almeno un grosso club ma quest’anno non lo vendiamo nemmeno per 30 milioni – ha dichiarato recentemente Enrio Preziosi, patron dei rossoblù – Però abbiamo già individuato la società con cui avremo a che fare in futuro per il calacitore. C’è un discorso aperto con un club con il quale abbiamo già fatto affari in passato”.

Il ballotaggio Inter-Milan sarebbe stato vinto dai rossoneri, visto che i nerazzurri sono più interessati a Criscito e Palacio: a Milanello Kucka è infatticonsideto un elemento importante per rinforzare e ringiovanire un reparto mediano che la prossima estate potrebbe perdere diversi giocatori come Mathieu Flamini, Mark van Bommel, Clarence Seedorf, Rino Gattuso e Massimo Ambrosini, tutti in scadenza di contratto nel giugno 2012.

Pirlo alla Juventus, addio in lacrime. “Mancano solo i dettagli”

Il regista saluta i compagni commossi.

Andrea Pirlo passa per un ragazzo riservato che non spende parole superflue. Eppure quel suo discorso sa toccare i compagni a Milanello. Avrà spiegato i motivi della sua scelta di lasciare la maglia che ha indossato per dieci anni e cambiare. Il suo agente, in una giornata che sancisce la linea sui diritti televisivi e di riflesso sul mercato che verrà, ha confermato senza riserve. Che altro aggiungere quando ormai tutto è scritto, sancito, espresso da quell’applauso che chiude il commiato del regista alla sua esperienza al Milan?

Pirlo domenica vestirà per l’ultima volta il rosso e il nero, consapevole di una scelta che implica l’esclusione di Aquilani per cui la Juventus non intende esercitare il diritto di riscatto fissato dal Liverpool a 16 milioni e l’inizio di una nuova vita a Torino.

Per lui, corso Galileo Ferraris ha studiato un triennale da 2,5 milioni di euro a stagione più i bonus, stando alle ultime indiscrezioni. “C’è ancora qualche dettaglio da sistemare, ma credo che Andrea Pirlo sia indirizzato alla Juventus”, ha confermato Tullio Tinti, l’agente del centrocampista. “Nel giro di pochi giorni prenderà una decisione definitiva, ma credo proprio che la Juventus sia la principale candidata”, ha aggiunto davanti alla sede della Lega di Serie A.

Sabato ci sarà ultimo allenamento con il Milan prima della partenza per Udine, che avverrà in aereo nel tardo pomeriggio.

Milan: rinnovano anche Nesta e Inzaghi, visite mediche per Taiwo

I rossoneri hanno già annunciato Mexes. Seedorf verso il sì.

Il work in progress in casa Milan è continuo. Ha rinnovato Alessandro Nesta per un anno (contartto fino al 30 giugno 2012), così come Pippo Inzaghi, mentre il senegalese Taye Taiwo ha sostenuto le visite mediche. Conclusi i festeggiamenti e acquisito lo scudetto, il Milan ha iniziato ufficialmente la campagna di rafforzamento per la prossima stagione, in cui dovrebbe ricoprire un ruolo di protagonista anche nella competizione continentale più importante, la Champions League. Il Milan è scatenato sul mercato: Taiwo e Philippe Mexes sono stati annunciati da tempo. Kwadwo Asamoah dell’Udinese potrebbe essere un ulteriore tassello per la costruzione del nuovo Milan. Pozzo valuta il giocatore 15-18 milioni di euro, inserendo qualche giovane Il Milan potrebbe indurre il patron friulano a fare uno sconto.

Il muro della difesa rossonera, che risponde al nome di Thiago Silva, ha prolungato il contratto che lo lega alla società di via Turati fino al 2016. Un contratto che blinda uno dei nomi più allettanti per le società spagnole e inglesi, che avevano messo gli occhi sul fortissimo difensore brasiliano.

A poco a poco sono stanno venendo al pettine i nodi rinnovi per il Milan. Flavio Roma e Mark Van Bommel hanno rinnovato fino al 30 giugno del 2012. Buone notizie anche per Massimo Ambrosini, quasi certo del rinnovo. Le incertezze riguardano Clarence Seedorf, che aveva esternato nelle settimane scorse il suo disappunto per come era stata affrontata la sua questione personale.

Il primo incontro con l’olandese pare sia stato positivo. E’ chiaro che dovrebbero essere abbassate alcune pretese economiche per ridurre il monte ingaggi dei rinnovi, che attualmnte incide per 80 milioni sulle casse rossonere. Anche se l’amministratore delegato Adriano Galliani si è affrettato a fornire delle precisazioni sul caso: “Si tratta di un problema tecnico e Clarence dovrà parlare con l’allenatore. Dal punto di vista economico, invece, siamo ben avviati. Sulla durata del rinnovo siamo d’accordo per un anno”.

A fare palpitare i tifosi sono però alcuni colpi suggestivi. E’ circolato il nome di Javier Pastore in chiave Milan. Zamparini lo valuta non meno di 35 milioni, la concorrenza è molto agguerrita, con l’Inter in prima fila tra le pretendenti. Il Milan potrebbe cercare di inserire qualche contropartita per limare il prezzo, ma il bazar Zamparini è estremamente esoso. Ricardo Kakà invece vuole restare al Real Madrid, dove non ha espresso pienamente il suo potenziale. Piace molto ad Allegri Asamoah dell’Udinese, ma sperare che sia lui il regalo promesso da Berlusconi è utopico. E allora il pensiero corre verso

l’attaccante del porto Hulk, legato ai Dragoni fino al 2016, ma corteggiatissimo da Galliani. Anche in questo caso si tratta di un pezzo pregiato, così le attenzioni dei rossoneri potrebbero concentrarsi sul senegalese Demba Ba, attaccante del West Ham, seguito attentamente da Braida negli ultimi tempi.